Mariné – Marinella Boi
Mariné è un vento tra le pagine di una vita.
Un vento che gira le pagine di questo piccolo libro, così come gira le pagine di un’esistenza, quella di Marinella. Vento che scuote, accarezza, disturba. Alito che spazza via le bugie e rende il cielo così terso e azzurro quasi da fare male. Corrente che brucia gli occhi, li fa lacrimare, e asseconda un dolore ancora difficile da abbandonare ma cullato dal ritmo dei giorni. Vento che accarezza e schiaffeggia, amato e odiato, imprevedibile e incontrollabile. Tempesta irriverente nutrita da rabbia e trepidazione a cui è facile abbandonarsi per non ricordare e non soffrire, che mostra conti in sospeso con la vita e che fa verità. Ma è anche brezza da respirare, da assecondare, accogliere, leggera e consolatoria, a cui affidare paure e desideri. Marinella ci regala il suo vento, mostra ancora con timore il suo canto leggiadro e la sua furia pericolosa. È un vento che spettina i capelli anche se sono solo una zazzera corta, che infonde ancora speranza nel cercare cambiamenti sognati e forse realizzabili. È un vento che spettina anche il suo nome, appunto Mariné, essenza che respira e che ama la vita.

Marinella Boi nasce l’11 agosto del 1959 a Cagliari, da una modesta famiglia operaia che subito dopo si trasferisce a Bologna dove vivrà per circa due anni. Tornata a Cagliari, frequenta le scuole arrivando al diploma di ragioneria che le darà l’opportunità di lavorare come impiegata presso uno studio della sua stessa città. Per la sua grande passione per la scrittura partecipa a vari concorsi letterari e nel 2013 pubblica il suo primo libro: “Racconti in bottiglia-aspettando il maestrale” Oggi, sposata con due figli, lavora ancora come ragioniera, conservando intatta la sua passione per la scrittura, tuffandosi con entusiasmo anche nel mondo della poesia..

ISBN 978-88-99685-44-7 pag. 104 – € 12,00
disponibile in eBook

 

 

 

/pippo-bellone