Joseph e Lia – Roberto Sanna

La storia raccontata da Roberto Sanna in Joseph e Lia è profonda, intrigante, a tratti poetica e nel complesso estremamente inquietante dal momento che si tratta del resoconto fatto in prima persona dal protagonista, Joseph Keller, del suo internamento nel lager nazista di Mauthausen. Già questo basterebbe per consigliarne la lettura.
Per tutta la durata del racconto è difficile pensare che non sia davvero Joseph a narrare la sua storia, eppure il libro è stato scritto in anni recenti, benché Joseph sia morto ormai da decenni e la sua voce, nel pensare comune, avrebbe dovuto essere spenta per sempre. Si potrebbe pensare che l’effetto sia dovuto all’indubbio talento narrativo dello scrittore e, ovviamente, al fatto che abbia minuziosamente attinto da documenti di archivio e da testimonianze dirette dei protagonisti della vicenda o dei loro discendenti a cui la storia è stata raccontata. Ma sulla vicenda non esistono documenti d’archivio o testimonianze, e se Roberto riesce a dare voce a Joseph è perché lui stesso è Joseph, o meglio lo è stato nella sua vita precedente, e nel corso di una serie di sedute di ipnosi regressiva ha ricordato vividamente e con estrema ricchezza di particolari la sua drammatica esperienza nel lager di Mauthausen.

Roberto Sanna nasce a Cagliari nel 1974.
Lavora da sempre nell’editoria. Le sue passioni sono: i cani, gli angeli, gli abbracci e ovviamente i libri.

foto di copertina di Nora Grinceviciute

Ebook   ISBN 978-88-98738-09-0 € 2,99

Libro    ISBN 978-88-98738-08-3  € 10,00

Pag. 118

 

 

roberto-sanna---joseph-e-li

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.